banner
banner

SULMONA – Acqua calda a singhiozzo da circa un anno con tutte le conseguenze del caso per le persone più fragili e disabili, pannelli fotovoltaici e solari mai entrati in funzione nonostante i finaziamenti intercettati per installarli e un consuntivo non presentato da tempo agli inquilini che non sanno quanto consumano effettivamente per nucleo familiare. Accade negli alloggi residenziali Ater di viale delle Metamorfosi, a due passi dalla caserma della Guardia di Finanza di Sulmona. Una situazione intollerabile che ha fatto scattare la protesta dei residenti che hanno preso contatti con un legale e hanno intenzione di chiedere l’intervento della magistratura per accertare tutte le anomalie e le eventuali responsabilità del caso. Nell’epoca del caro, con i costi dell’affitto che oscillano dai 280 ai 320 euro, ci si ritrova a consumare spese esose senza alcun controllo. Circa 500 euro mensili. “Non è possibile che assolviamo a tutti questi costi senza l’erogazione stabile del servizio”- tuonano i residenti sul piede di guerra, pronti a chiamare in causa a che la Procura della Repubblica.

Lascia un commento