banner
banner

SULMONA – È partita oggi a Roma la trattativa con la Magneti Marelli, che ha uno stabilimento anche a Sulmona, per il passaggio dal contratto collettivo specifico al contratto collettivo nazionale. La Direzione dell’azienda ha esposto un piano di discussione che si articola in due fasi: armonizzazione degli istituti comuni e discussione del contratto integrativo. Nello specifico la Direzione di Marelli è entrata nel merito, ispiegando che si sarà il passaggio dagli attuali 3 livelli del CCSL ai 9 livelli del CCNL, comparando la paga base dei due contratti e assicurando che la differenza positiva potrà essere consolidata in superminimo individuale non assorbibile. Inoltre la Direzione aziendale ha elencato gli istituti economici e normativi e ha posto come temi da affrontare alcune questioni tipicamente aziendali, quali maggiorazioni, relazioni sindacali, comprese le clausole di esigibilità, previdenza e sanità integrativa, lavoro agile, nonché naturalmente premio aziendale, per tale intendendo sia il premio efficienza di stabilimento sia l’incentivo di produttività legato alla presenza. “Come sindacato riteniamo la proposta aziendale un utile punto di partenza, sul quale ci siamo riservati di dare una risposta compiuta dopo attenta valutazione e di portare ulteriori argomenti di discussione. In ogni caso abbiamo subito chiesto di salvaguardare i trattamenti di miglior favore vigenti e di riconoscere un incremento salariale in paga base per recuperare il potere di acquisto”- commentano da Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Uglm, Aqcfr. I prossimi incontri sono programmati a Torino i giorni 23 novembre e 14 dicembre.

Lascia un commento