banner
banner

SULMONA – Un messaggio rivolto alle giovani generazioni e agli studenti più piccoli che hanno fatto da cornice alla cerimonia a non dare per scontato i valori della libertà e della pace, il ricordo del carabiniere di Sulmona Emanuele Anzini, travolto e ucciso in un posto di blocco nel bergamasco e una menzione alle giovani eccellenze che si sono fatte riconoscere sul panorama nazionale: Angela Zanatta premiata dal Presidente della Repubblica come “Alfiere del Lavoro” ed Emanuele Varrati che ha ricevuto dall’Università di Milano la borsa di studio del Premio Parete. Questi i momenti salienti della solenne cerimonia del 4 novembre, Giornata dedicata all’Unità Nazionale e alle Forze Armate, celebrata anche a Sulmona nella centralissima piazza Carlo Tresca. Sotto il coordinamento del giornalista Giuseppe Fuggetta e davanti a una rappresentanza di forze dell’ordine e di giovanissimi studenti delle scuole primarie e secondarie della città, hanno fatto prima ingresso le associazioni combattentistiche e d’arma e poi è entrato nel luogo della cerimonia il Gonfalone della città di Sulmona, decorato a medaglia d’argento al valor militare. E’ stata quindi la volta della cerimonia dell’alzabandiera con i picconi tirati a lucido e della deposizione di una corona d’alloro davanti al monumento dei caduti. Il messaggio del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, è stato proclamato dal Presidente del Consiglio Comunale, Katia Di Marzio mentre il vescovo di Sulmona-Valva, Michele Fusco, ha letto la preghiera per la patria. “Siamo chiamati tutti alla responsabilità di costruire con profondo senso del dovere la rinascita della nostra terra – ha sottolineato il sindaco Casini – contrastando e stigmatizzando chi vuole dividere piuttosto che unire, distruggere invece di realizzare uno spirito di comunità, denigrare o peggio insultare le istituzioni, consapevoli che solo nell’unità e nel rispetto dei valori fondanti della nostra democrazia si può vincere e progredire”.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento