banner
fb_img_1614842204461

SULMONA – Il primo anno va bene perché la pandemia ha stravolto usanze e abitudini e non era facile farsi trovare preparati. Ma i sulmonesi non sono disposti a rinunciare per il secondo anno di fila a un pezzo d’identità, ovvero ai riti pasquali secolari, della Processione del Cristo Morto e della Madonna che Scappa in Piazza. Per questo è stata lanciata questa mattina una petizione on line, attraverso la quale si chiede di blindare la centralissima piazza Garibaldi e ripetere la sacra rappresentazione, rigorosamente senza pubblico e con un meccanismo di sicurezza tutto da studiare, sottoponendo a tampone i lauretani che eseguiranno la corsa. Una proposta lanciata dalla sulmonese, Valentina Venti, che già sta rimbalzano sui social. Il decreto del governo Dragi lascia in verità pochissimi margini e mette a rischio le tradizioni. Ma per la promotrice, se si è riusciti a blindare Sanremo per un Festival senza pubblico, perché non provare ad approntare misure ad hoc anche per il Venerdì Santo e la Pasqua sulmonese? L’idea è quella di seguire tutto da casa, incollati sullo schermo del diciotto.  Al momento nessuna decisione è stata presa al riguardo ma la scelta quasi obbligata è quella di rimandare tutto al prossimo anno e ripetere la corsa della Madonna all’interno della Chiesa di Santa Maria della Tomba. L’iniziativa popolare dimostra però l’attaccamento alle tradizioni sulmonesi. Nel link allegato è disponibile il testo della petizione. Andrea D’Aurelio

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Per continuare ad utilizzare il sito bisogna consentire i cookie maggiori info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close