banner
comitato

“Coinvolgere i medici di famiglia, arma necessaria per superare l’emergenza, superando l’approccio terapeutico che consiste nel prescrivere paracetamolo e vigile attesa per 72 ore”. E’ la sollecitazione che arriva alla Regione Abruzzo dal Comitato Terapia domiciliare Covid-19. L’attuale approccio è previsto da una nota Aifa del 9 dicembre 2020 che lo scorso 4 marzo è stata sospesa dal Tar Lazio a seguito del ricorso presentato dallo stesso comitato. Dei temi in questione si è parlato nel corso di un incontro cui hanno preso parte il presidente del comitato, Erich Grimaldi, l’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, e il commissario dell’Agenzia sanitaria regionale, Pierluigi Cosenza, membro del Gruppo tecnico scientifico regionale (Gtsr). Presenti anche la consigliera regionale Sabrina Bocchino, i medici del 118 di Sulmona Giampiero Cuna e Anna Erspamer e Milena Pesolillo, socio ordinario del Comitato e referente della regione per i rapporti con le istituzioni. “L’assessore Verì – sottolinea il comitato in una nota – ha condiviso l’approccio precoce proposto dai medici del Comitato, ovvero lo schema terapeutico adottato, mentre Cosenza si è riservato di confrontarsi con gli altri rappresentanti del Gtsr, pur sostenendo che lo stesso approccio è adottato dagli infettivologi negli ospedali ovvero, a nostro avviso, allorquando la malattia è degenerata. È necessario dunque coinvolgere i medici di famiglia, arma necessaria per superare l’emergenza. Confidiamo in un’apertura immediata dell’assessorato per l’adozione dello schema terapeutico”.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Per continuare ad utilizzare il sito bisogna consentire i cookie maggiori info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close