banner
banner

SULMONA. Sono stati consegnati questa mattina i diplomi di sommelier dall’associazione italiana sommelier (Ais) a livello locale e regionale. La cerimonia si è tenuta a Palazzo San Francesco. L’assessore alla cultura, Andrea Ramunno, ha aperto la cerimonia, salutando i nuovi sommelier e sottolineando l’importanza della loro formazione per la valorizzazione del territorio. “La cultura del vino, insieme a quella del cibo, è una componente fondamentale che identifica e caratterizza un territorio”, ha dichiarato l’assessore Ramunno, “valorizzare le tipicità e le peculiarità enogastronomiche non solo promuove la nostra identità culturale”, ha aggiunto, “ma rappresenta anche un elemento chiave per lo sviluppo turistico”. Tra i neodiplomati c’è anche Ivan Giovannucci, non vedente di Pratola Peligna. La passione per il vino lo ha portato ad affrontare una vera e propria sfida. Dalle lezioni sulla viticoltura ‘registrate’ e tradotte in braille a quelle dedicate all’abbinamento del vino ai cibi, dove lo strumento da utilizzare, il cosiddetto “bersaglio” si è rivelato per Ivan un ostacolo difficile da superare. Ma non impossibile.

Lascia un commento