banner
banner

SULMONA – Dissuasori di velocità per contrastare incidenti stradali e incentivare la sicurezza tra gli automobilisti, due postazioni di compostaggio per fare fronte al problema ambientale, telecamere di videosorveglianza in via di installazione per tenere sotto controllo i vari fenomeni balzati alle cronache e un ufficio di prossimità dell’Ater in città per intercettare le istanze degli inquilini residenti nelle palazzine in loco. Si sono lasciati con queste precise indicazioni il comitato del quartiere degli incendi e gli amministratori di Palazzo San Francesco nel secondo incontro tenutosi questa mattina in Comune. Dopo la bonifica dei rifiuti ventennali, dal quartiere spingono il piede sull’acceleratore per rimettere mano alle diverse criticità segnalate, nelle more della rimodulazione della convenzione tra Ater e Comune per le aree di competenza nelle palazzine. “Al riguardo abbiamo sollecitato l’Ater per la riattivazione di un ufficio di prossimità in loco”- ha detto il sindaco, Gianfranco Di Piero mentre il portavoce dei residenti, Alessandro Ferrini, ha annunciato la sempre più prossima costituzione di un’associazione di inquilinato per dare sostegno concreto ai quartieri e ai cittadini.

Lascia un commento