banner
banner
banner

SULMONA – Guanti e mascherine vanno nel secco residuo o indifferenziato e non nella plastica o carta. La precisazione, a scanso di equivoci, arriva da Cogesa a fronte dell’errore materiale e della confusione che si sono venute a creare nella pratica della raccolta differenziata al tempo del Covid. “Purtroppo stiamo riscontrando quantitativi di guanti e mascherine nella plastica o nella carta – fa sapere Danilo Ciotti, responsabile piattaforma Cogesa- e non nel secco, dove andrebbero conferiti per una questione di sicurezza dei nostri operatori e di noi tutti in questa fase di Coronavirus”. Il virus, in queste settimane di emergenza, non ha fermato nemmeno l’inciviltà degli utenti più indisciplinati. Sono sempre più frequenti le segnalazioni di ritrovamento di guanti e mascherine lasciate a terra, in vari angoli della città, con tutti i rischi e le conseguenze del caso. E’ una cattiva abitudine che va assolutamente stigmatizzata.

Andrea D’Aurelioy

banner

Lascia un commento