banner
banner

SULMONA . Il bacio della bara fuori dalla chiesa, una canzone eseguita da un piccolo coro di bambini, accompagnata dal volo di palloncini. Sono stati questi gli ultimi momenti dell’ultimo saluto che Sulmona e la valle peligna hanno rivolto nel pomeriggio ad Enea Di Ianni, ex dirigente scolastico e vice sindaco della città, deceduto ieri all’età di 79 anni. Don Vincenzo Paura, che ha officiato il rito funebre insieme al parroco di San Panfilo, don Josef Mazola, don Vincenzo Cianfaglione e don Fabio D’Alfonso, nell’omelia ha ricordato Di Ianni, come valido e prezioso insegnante, dirigente scolastico, pedagogista ma anche come uomo dedicato alla politica e soprattutto uomo di fede. Mai mancò il suo apporto nella vita della Diocesi sulmonese, nella quale si distinse anche come presidente dell’Associazione Maestri Cattolici ed in altre organizzazioni. In tutti i campi Di Ianni ha saputo portare la sua testimonianza ed il suo contributo fattivo, sempre dinamico, gioviale, disponibile e aperto verso gli altri. In tanti, dai colleghi ai suoi alunni, dai suoi compaesani di Villalago ai più piccoli, si sono stretti intorno ai familiari, alla moglie Elena e ai figli Nicola, Ada e Jessica.

Lascia un commento