banner
banner

SULMONA – Cade in cella e salta l’udienza. Un “imprevisto” sui generis quello che è accaduto l’altro giorno nel carcere di Viterbo quando V.T., detenuto e imputato nel processo per aziende fantasma e tassi usurai, è scivolato procurandosi un forte trauma all’emicostato. Incidente che non gli ha consentito di partecipare all’udienza del processo che lo vede coinvolto insieme ad altri 24 imputati, tutti finiti sotto inchiesta a vario titolo per i reati di usura, estorsione, falsità ideologica, sostituzione di persona e associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe. L’udienza è tata così rinviata al prossimo 11 febbraio quando l’uomo sarà ascoltato dai giudici. L’inchiesta conta complessivamente venticinque imputati , di cui nove finiti già in manette nel settembre del 2016 dopo la vasta operazione condotta dai Carabinieri di Sulmona e altri quattordici denunciati. Tutto è partito l’anno precedente, nel 2015, dalla denuncia di un imprenditore di Sulmona sottoposto ad estorsione da uno degli arrestati. Dagli accertamenti dei Carabinieri emerse che una famiglia di origine rom che svolgeva come attività principale il prestito di soldi con tassi che raggiungevano anche il 54% mensile, aveva fatto il salto di qualità creando un diabolico sistema economico che ruotava intorno a due aziende con capitale sociale e con dipendenti, tutti fittizi, reperiti nel mondo della tossicodipendenza locale. Il sodalizio criminale riusciva quindi ad ottenere prestiti da finanziarie e istituti di credito attivando la procedura della cessione del quinto dello stipendio a carico dei dipendenti, tutti conniventi, per un ammontare di circa 600.000 euro. Per non dare modo alle banche di avviare denunce e contenziosi le due aziende fittizie onoravano le prime rate dando modo alla società di prendere tempo e conseguire altro capitale, con la medesima tecnica. A febbraio i venticinque imputati dovranno presentarsi di nuovo davanti al Gup.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento