banner
banner

SULMONA. “Se c’è un problema di falde acquifere c’è il rischio di una seconda Bussi. La Regione non può essere indifferente”. Lo ha detto Luciano D’Amico, candidato alla presidenza della regione Abruzzo Abruzzo che ha incontrato nel pomeriggio un gruppo di residenti della frazione Marane al bivio di noce Mattei dove insiste la discarica del Cogesa. Dopo la relazione dell’Arta, che aveva certificato i miasmi, era stata proposta la chiusura definitiva della porzione di discarica esaurita e la predisposizione di bocche di campionamento sulle linee di adduzione al biofiltro e sistemi automatici di monitoraggio dei livelli di impaccamento nonché incremento della frequenza della distribuzione delle velocità superficiali del biofiltro e obbligo di verifica efficienza di abbattimento, oltre al divieto a stoccare all’aperto materiali putrescibili

Lascia un commento