banner
blue Italian police car with written Polizia and an agent

SULMONA – Il caso delle presunte minacce agli aspiranti consiglieri comunali, candidati nella compagine di Bruno Di Masci, è l’argomento che scandisce le prime battute della campagna elettorale. La vicenda è finita sul tavolo della Digos che ha avviato gli accertamenti di rito. Dal Commissariato di via Sallustio fanno sapere che i biglietti minatori fatti recapitare agli aspiranti consiglieri non sarebbero riconducibili alla competizione elettorale. Molti dei messaggi attengono alla sfera personale degli aspiranti consiglieri, altri contengono solo delle esortazioni e dei consigli. Dal raggruppamento civico “ La Città che vogliamo” continuano a sostenere che si tratta di “fatti assai gravi, che mai si ricordano nella storia delle campagne elettorali di questa citta’, di salda tradizione democratica e di grande civilta’ e per questo abbiamo apprezzato molto la solidarieta’ espressa dagli altri candidati sindaci ai nostri candidati minacciati e alla nostra coalizione “, incalza Fabio Ranalli, capolista tra gli otto del raggruppamento. “Auspichiamo un clima di piena serenita’, di reciproco rispetto tra tutti i protagonisti della campagna elettorale e naturalmente riteniamo indispensabile che sia fatta piena luce su gesti ignobili che hanno il solo scopo di generare un clima malsano, a scapito di un confronto serio e costruttivo”, aggiunge. Saranno le indagini della Polizia a svelare se le presunte minacce saranno tali. Non è escluso che, in caso di mancata corrispondenza con la realtà, si potrebbe aprire un caso di procurato allarme.

Andrea D’Aurelio

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Per continuare ad utilizzare il sito bisogna consentire i cookie maggiori info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close