banner
banner

Per dare il nome a ‘La notte dei Serpenti’, iniziativa culturale volta a dare una nuova visione dell’Abruzzo, il direttore artistico Enrico Melozzi ha scelto di ispirarsi al celebre culto dei serpenti di San Domenico che vede il suo punto apicale nell’antichissimo rito ‘Festa dei Serpari’ proprio a Cocullo, piccolo borgo in provincia dell’Aquila “Identificando nel serpente un simbolo esotico, potente, misterioso, affascinante e attrattivo”, ha spiegato oggi a Roma l’ideatore dell’evento che si terrà il 20 luglio a Pescara presso lo ‘Stadio del mare’. Il concertone, nella sua prima edizione ha attratto più di 10 mila persone allo Stadio del Mare, anche quest’anno diventerà uno speciale televisivo per la regia di Angelo Bozzolini. Le scenografie si avvalgono della collaborazione prestigiosa dell’artista Marco Lodola, che arricchirà lo spazio scenico con le sue iconiche sculture luminose, alte fino a 5 metri.

Lascia un commento