banner
banner

RIVISONDOLI. Era accusato di aver rubato la legna in località Monte Pratello. Dopo circa dieci anni finisce ai domiciliari. Protagonista della curiosa vicenda giudiziaria è un 54enne di Rivisondoli, che l’altro giorno è stato raggiunto dall’ordine di esecuzione della pena, notificatogli dai carabinieri della compagnia di Castel di Sangro. Quando i militari sono arrivati nella sua abitazione, il 54enne si è fatto una risata, per sdrammatizzare. I fatti risalgono al 2015 quando l’uomo, secondo l’accusa, si era recato a Monte Pratello per tagliare una pianta senza autorizzazione e per portare via la legna. Ne è scaturita un’imputazione per furto, contestata in tutte le sedi ma la sentenza è diventata definitiva. Per questo, hanno deciso i giudici, la pena di sei mesi ed un giorno di reclusione deve essere scontata nella “cella domestica”, ovvero in detenzione domiciliare. Avendo altre condanne sulle spalle, non è stato possibile sospenderla, almeno per il momento

Lascia un commento