banner
banner

SULMONA. E’ stata collocata in una struttura protetta una 70enne di Sulmona, da mesi vittima di maltrattamenti da parte del figlio di 54anni. Il trasferimento, concordato con l’autorità giudiziaria, è scattato l’altro giorno quando la donna è stata costretta a recarsi nel pronto soccorso dell’ospedale di Sulmona dopo essere stata picchiata in casa. Anni e anni di soprusi e botte, stando almeno alle accuse, che hanno portato la 70enne a subire in silenzio. In alcune circostanze la donna veniva trattata come una schiava, lasciata senza cibo e costretta ad accompagnare il figlio in vari luoghi. Nelle ultime settimane più volte, a causa delle continue percosse, la 70enne aveva allertato le forze dell’ordine per poi fare un passo indietro fino a quando, l’altro giorno, stanca della situazione, ha chiamato i carabinieri che hanno attivato immediatamente il codice rosso. La donna è stata accompagnata prima in ospedale per gli accertamenti e poi in caserma per sporgere denuncia. Con la procura e con la rete antiviolenza, i militari hanno deciso di trasferirla in una struttura. Al momento il 54enne è stato denunciato e indagato per maltrattamenti. Per lui non si escludono provvedimenti cautelari nei prossimi giorni. Già qualche anno fa l’uomo era stato indagato e processato per lo stesso reato, per essere poi assolto per la totale capacità d’intendere e volere al momento del fatto.

Lascia un commento