banner
banner

Un violento temporale ieri in Marsica dove un fulmine ha colpito la seggiovia di Camporotondo: un boato e poi il fuoco sulla casetta in legno adiacente il motore della seggiovia. Le fiamme, poi, si sono propagate alle zone circostanti la casetta. Subito sono intervenute le forze competenti, limitando il danno e domando l’incendio. Anche gli stessi abitanti di Cappadocia si sono riversati in strada richiamati dalle fiamme. Oggi la conta dei danni ma il sindaco Lorenzo Lorenzin rassicura i suoi concittadini: “Voglio innanzitutto ringrazia chi ha partecipato sin da subito all’intervento di spegnimento dell’incendio, dando la possibilità di avere ancora a disponibilità la struttura. Dal brigadiere dei Carabinieri Vincenzo Taborra, al Maresciallo Corrado Di Gregorio, dal proprietario degli impianti William Rosci, alle squadre del nucleo della protezione civile di Tagliacozzo e dei vigili del fuoco di Avezzano. Sono già in contatto con i rappresentanti istituzionali della Regione, come il consigliere Simone Angelosante che già si è detto disponibile per una spesa di rirpristino della struttura. Ho attivato subito il Coc con il rappresentante degli uffici comunali, Mario Ferrazza e ora aspettiamo dall’ingegnere responsabile dell’impianto Daniele Pignatelli il calcolo dei danni. Fortunatamente, l’intervento è stato repentino. Abbiamo lavorato sodo per riaprire questi impianti, non permetterò che un fulmine porti via i nostri sacrifici. A lavoro per il bene del nostro comune e del nostro territorio”.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com