banner
banner

SULMONA – Passa dagli arresti domiciliari all’obbligo di firma il 19 enne di Sulmona, F.F., sorpreso nei giorni scorsi dai Carabinieri della stazione di Sulmona nell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti nel centro storico della città. Nell’udienza celebrata ieri il Gip del Tribunale di Sulmona Marco Billi ha convalidato l’arresto, eseguito dai militari di via Sallustio, ma ha rimesso in libertà il giovane che dovrà rispettare solo l’obbligo di firma. Il ragazzo era stato fermato insieme a un suo coetaneo di 18 anni. Solo per lui scattarono le manette dal momento che i Carabinieri, oltre a sorprenderlo nell’attività di spaccio, avevano ritrovato alcuni grammi di hashish nella perquisizione personale e nella sua abitazione dove era spuntato anche del materiale per il confezionamento delle dosi e un vaso con delle piantine di marijuana. Secondo il Gip Marco Billi il giovane, difeso dall’avvocato Alberto Paolini, dovrà attenersi all’obbligo di firma dal momento che il quantitativo di droga rinvenuto dai militari non è ingente. Resta in piedi la denuncia dei Carabinieri per l’amico di F.F., un 18 enne di Sulmona, deferito per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e segnalato alla Prefettura dell’Aquila.

Andrea D’Aurelio

Lascia un commento