banner
banner

Disoccupati tra i 30 e i 50 anni, impiegati come portantini nelle attività  di “spallaggio” dei funerali della zona,senza contratto nè  tutele. E’ quanto emerso nei controlli a 17 aziende, effettuati nell’ambito dell’operazione “Steal Jobs”delle Fiamme Gialle sul fenomeno del “lavoro sommerso” nel settore delle onoranze funebri della provincia di Pescara. E sono oltre 130 i dipendenti risultati irregolari nel rapporto di lavoro. Di questi, la metà  completamente “in nero”, alcuni anche percettori del Reddito di Cittadinanza e delle misure di sostegno emergenziali per Covid-19.
L’attività  di intelligence e di controllo economico del territorio condotte dai finanzieri della Tenenza di Popoli sono state fondamentali nella ricostruzione di quello che appare come un vero e proprio schema d’azione fraudolento. Nell’organizzazione dei funerali, infatti, le aziende di pompe funebri occultavano i portantini “in nero”,registrando, al loro posto, la presenza di dipendenti regolarmente assunti, nei verbali di chiusura feretro depositati al Comune.
Con il risultato che spesso le stesse persone comparivano impiegate in pi  funerali nello stesso momento. Il trucco dell’ubiquità  degli operatori veniva agganciato, poi, anche alla mancata contabilizzazione della fattura emessa per il servizio di somministrazione del personale reso ai competitors regolari. così  che tra contributi non versati e ricavi non dichiarati, l’80% del personale utilizzato in quasi 1.500 funerali ispezionati   risultato “in nero” o “irregolarmente impiegato” dalle ditte esecutrici delle esequie per circa 6.300 giornate lavorative. Le verifiche dei finanzieri, avviate sulla scorta delle informazioni di rischio fornite da fonti d’intelligence, hanno coinvolto decine di Comuni dell’entroterra pescarese e si sono basate, in una prima fase, nell’acquisizione dei dati sui funerali celebrati negli anni 2019, 2020 e 2021.
In seguito, grazie all’incrocio degli elementi investigativi raccolti con i riscontri tratti dalle banche dati in uso al Corpo, per le ditte che presentavano evidenti segnali di anomalia   scattato un fitto set di controlli conclusosi con l’irrogazione di maxi-sanzioni amministrative per quasi 230.000 euro, la constatazione di violazioni di natura fiscale per circa 27.000 euro e possibili riflessi, anche penali, per falso in atto pubblico. Tutti i risultati sono stati trasmessi al competente Ispettorato Territoriale del Lavoro e all’I.N.A.I.L. per la regolarizzazione delle posizioni lavorative, a tutela degli interessi dei dipendenti irregolari dal punto di vista assistenziale, assicurativo e previdenziale. “L’attività  di servizio svolta dalla Tenenza di Popoli rimarca la grave incidenza che il “lavoro nero” ha nel sistema economico-sociale della provincia, perchè  sottrae risorse all’Erario, omette le tutele previste per i lavoratori e incentiva una sleale competizione con le imprese che invece scelgono di rispettare la legge” afferma il Comandante Provinciale, Colonnello t.ST Antonio Caputo.
E nella “Relazione sull’economia non osservata” del Ministero dell’Economia e Finanze, con un dato di poco superiore rispetto al Centro Italia (13,8%) e alla media nazionale (13,1%), l’Abruzzo si ferma a met  classifica con il 15,6% del PIL generato proprio dall’economia sommersa.

Lascia un commento