banner
banner

’L’appuntamento è di quelli ormai diventati tradizione. Con la presentazione del palio, questa sera nel Cortile del palazzo dell’Annunziata, è entrata ufficialmente nel vivo la XXVIII edizione della Giostra Cavalleresca di Sulmona, in programma il 27 e 28 luglio in piazza Maggiore. Un palio che fa delle forza e della delicatezza i suoi elementi costitutivi. Un palio che torna a parlare abruzzese A firmarlo sono infatti stati Valentina Grimaldi, sulmonese, e Matteo Giannese, tarantino di origine ma teatino di adozione, due giovani, tatuatori di professione, in realtà, con la passione per l’arte. Figure principali della tela, alta 2,20 metri, quelle di una dama di Giostra e di un cavallo. Sullo sfondo, stilizzati, il Fontanone, gli archi dell’acquedotto svevo e, più lontano il profilo di una Chiesta, che richiama quella dell’Annunziata. Pochi, essenziali colori, soprattutto giallo, marrone e verde a far risaltare gli elementi principali, lasciando gli altri, quelli di una ben riconoscibile piazza Maggiore, alle tinte del grigio. Alla base due lance incrociate, quelle dei cavalieri pronti a sfidarsi sul campo di gara che centrano sette anelli, con i colori dei sette Borghi e Sestieri cittadini. “Mettendo al centro del palio la figura della dama con il cavallo”, ha spiegato l’autrice, Valentina Grimaldi, “abbiamo voluto porre l’accento sulla eleganza della donna e la bellezza dell’animale, entrambi delicati, ma forti al tempo stesso. Per me e Matteo è stato un onore poter realizzare il palio della Giostra Cavalleresca di Sulmona. È successo tutto un po’ per gioco: abbiamo presentato un nostro bozzetto che è piaciuto all’Associazione che ci ha commissionato la realizzazione del lavoro. Non pensavamo ci avrebbero scelto e invece…”. Un lavoro impegnativo, realizzato a quattro mani, ma in perfetta sintonia, “in 8 domeniche, le uniche giornate che avevamo libere. Ma lo abbiamo fatto con impegno e con passione”. Ad ospitare la cerimonia e il pubblico, nel cortile del palazzo dell’Annunziata, scenario come sempre perfetto per la cerimonia, il direttivo dell’Associazione culturale Giostra Cavalleresca, insieme ad una rappresentanza del gruppo di musici e sbandieratori. A nome di tutto il popolo della Giostra ha rivolto il suo saluto ai presenti il presidente dell’Associazione Culturale, Maurizio Antonini. “La Giostra continua a crescere”, ha detto ringraziando tutti coloro che lavorano, durante tutto l’anno, per la sua riuscita, “e lo dimostrano i numerosi eventi che anche quest’anno continuano ad arricchire la nostra manifestazione che proprio oggi entra nel vivo con la presentazione del palio. Un palio che quest’anno torna in città, grazie all’opera di due giovani artisti, che hanno realizzato un lavoro davvero molto bello, che impreziosirà la nostra Giostra”. A dare il suo saluto anche il presidente della Fondazione Carispaq, Domenico Taglieri. “La Giostra è riuscita ad unire tutti, dal comune all’associazione a tutta la città. Alla Regione chiediamo”, ha aggiunto, rivolgendosi alla consigliera Maria Assunta Rossi, presente alla cerimonia, “una Legge per la Giostra Cavalleresca di Sulmona, che la tuteli nel suo grande valore, così come ha fatto la Fondazione Carispaq per la Giostra europea, Giostra della pace nel nome di Celestino V”. “La Giostra mette Sulmona ogni anno sotto i riflettori e questo porta benefici dal punto di vista turistico, culturale ed economico”, aggiunto la consigliera Rossi. “Complimenti a tutti per la passione e professionalità che mettete in quello che fate”. Presenti, per l’amministrazione comunale, il sindaco,Gianfranco Di Piero, l’assessore alla cultura Andrea Ramunno e il presidente del Consiglio comunale, Cristiano Gerosolimo, “Ogni volta partecipare a questa cerimonia è un’emozione”, ha detto il primo cittadino, “per il sempre maggiore dispiegamento di forte, segno tangibile della capacità di aggregativa che ha questa manifestazione che, per la sua unicità e il contesto in cui si svolge, dà lustro alla nostra città. La Giostra, pur nella rivalità della competizione, unisce la città e la rende comunità.” Da parte del vescovo, monsignor Michele Fusco, la benedizione e l’augurio perché “la Giostra sia veicolo di pace e di fraternità”. Per saperne di più sul mondo della Giostra fino al 14 luglio è stato allestito punto espositivo presso Centro commerciale Il nuovo borgo. Biglietti e gadget della Giostra già in vendita nell’info point della Giostra Cavalleresca in via De Nino. Ticket acquistabili anche online sul circuito vivaticket.com. E per raggiungere Sulmona nei giorni di Giostra in treno, si porta usufruire anche di prezzi scontati grazie alla collaborazione con Trenitalia. Intanto, prossimo appuntamento di Giostra domani dalle 9 in piazza Garibaldi gare di musici e sbandieratori di tutta Italia per la Tenzone Bronzea della Fisb, organizzata dal Borgo San Panfilo.

Lascia un commento