banner
banner

1

SULMONA – Lunedì scorso in viale Giacomo Matteotti a Sulmona – si è tenuta l’iniziativa “Garofani rossi per Giacomo Matteotti”, in occasione dei 100 dell’omicidio politico di Giacomo Matteotti su mandato del regime fascista.
Mutuando la tradizionale iniziativa dedicata a Carlo Tresca che si tiene l’11 gennaio di ogni anno, il Centro Studi e Ricerche “Carlo Tresca” e ANPI Sezione Valle Peligna si sono riuniti nel luogo dell’evento con soci, iscritti, cittadini e antifascisti per la lettura collettiva dell’ultimo discorso che Giacomo Matteotti tenne alla Camera dei Deputati il 30 maggio 1924 per denunciare i brogli e le violenze dei fascisti alle elezioni dell’aprile precedente, cosa che segnò la sua condanna a morte.

Un caldo martedì estivo a Roma. Giacomo Matteotti, deputato socialista e figura di spicco dell’opposizione al regime fascista di Benito Mussolini, esce dalla sua abitazione in via Pisanelli diretto verso Montecitorio. Non arriverà mai a destinazione.
Alle 16:15, mentre percorre il lungotevere Arnaldo da Brescia, Matteotti viene assalito da una squadra di fascisti. Sequestrato con la forza e caricato su un’auto, viene condotto fuori città.
Cosa accadde esattamente nelle ore successive rimane avvolto nel mistero. Le versioni dei fascisti sono confuse e forse volutamente contraddittorie. L’unica certezza è l’esito tragico: Giacomo Matteotti viene ucciso a colpi di pistola e pugnale. Il suo corpo viene gettato nel bosco della Quartarella, dove verrà ritrovato solo due mesi dopo, il 16 agosto.

INTANTO UN SALUTO ai partecipanti alla cerimonia di Sulmona è giunto dall’assessore alla cultura di Fratta Polesine comune di nascita di Matteotti, la dottoressa Cinzia Mantovani, dall’amministrazione tutta e dal sindaco Giuseppe Tasso.

Cerimonie analoghe si sono tenute in alcune città italiane tra cui Varese, Bologna e Roma con la presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Dopo la lettura di brani del discorso è seguita la deposizione di garofani rossi proprio sotto la lapide che intitola il viale al Deputato socialista.

Lascia un commento