banner
banner

“Il nuovo bipiano inaugurato in pompa magna in campagna elettorale ha rischiato di andare in fiamme, lasciando a piedi i pendolari della già travagliata tratta L’Aquila-Roma, tristemente abituati ai classici disagi legati alla carenza del numero di corse e che, questa volta, hanno dovuto vivere un’ulteriore disavventura”.
A darne notizia è Rita Innocenzi, componente del coordinamento provinciale del Pd, che riferisce dell’episodio, accaduto nel primo pomeriggio di ieri, che ha riguardato il nuovo bipiano della Tua, l’azienda di trasporto unico abruzzese, inaugurato lo scorso 29 febbraio. Il mezzo, presentato nel deposito aquilano di Bazzano, è un autobus della Ayats, modello Horizon, lungo 14,35 metri che può ospitare 85 passeggeri.
“Ironia della sorte, però – sottolinea Innocenzi -, in particolare per il neo rieletto presidente Marco Marsilio è che a rischiare di andare in fiamme è stato proprio quel bipiano presentato come la soluzione alla richiesta degli utenti. Chiamiamoli come li indica giustamente il presidente della Tua, ossia utenti e non clienti, perché parliamo di coloro che fruiscono di un servizio che, finché non ci saranno collegamenti ferroviari verso Roma, resta essenziale per i cittadini del nostro territorio. Ora c’è da chiedersi se il costo sostenuto per l’acquisto valga quel mezzo che ha fatto una gran bella figura tirato a lucido per l’evento elettorale, un po’ meno su strada. La Giunta Marsilio apra subito un confronto sul trasporto pubblico locale e sui collegamenti con Roma, apra alla più ampia partecipazione dei cittadini e riveda la mappa dei servizi minimi”, conclude Innocenzi.

Lascia un commento