banner
banner

“Capisco che un leader nazionale non possa conoscere nel dettaglio le vicissitudini locali, ma credo che il PD abbia commesso un enorme autogol nel portare la segreteria Elly Schlein a Popoli per parlare di sanità, proprio nella città dove il loro partito aveva chiuso l’ospedale”.

Lo puntualizza l’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, commentando la visita della segreteria Dem in provincia di Pescara.

“Al di là delle frasi ad effetto, che vanno sempre bene per un comizio sia esso a Cantù o a Canicattì – sottolinea la Verì, che è candidata nella lista Marsilio Presidente – la verità è scritta nei documenti: nella rete ospedaliera del 2016 approvata dal PD, gli ospedali di Popoli e Penne erano stati cancellati, trasformati in strutture ibride senza pronto soccorso, privati di reparti, servizi e posti letto. Siamo stati noi, con la nostra rete ospedaliera, la prima e unica validata da tutti gli organismi ministeriali, ad averli riclassificati in ospedali di base sede di pronto soccorso. Passaggio normativo fondamentale per procedere ad assunzioni di personale e attivazione di servizi. Non solo, perché abbiamo avviato le ristrutturazioni edilizie dei presidi, che il centrosinistra non aveva mai iniziato. Comprendo la campagna elettorale, ma gli abitanti dell’area Vestina e della Val Pescara sanno benissimo che la narrazione della Schlein e dei suoi candidati è semplicemente falsa, anzi se fosse stato per loro, oggi la segretaria nazionale del PD non avrebbe potuto nemmeno tenere il comizio: l’ospedale di Popoli, infatti, sarebbe già chiuso da anni”. 

Lascia un commento