banner
banner

Non ce l’hanno fatta gli azzurri in finale; bronzo alla Spagna con il punteggio di 6/2. Gli azzurri finiscono in quarta posizione e si qualifica ai World Roller Games del prossimo anno.
La Spagna guadagna meritatamente il bronzo, grazie ad una grande prestazione ed è la rivelazione dei Campionati.
Un Mondiale organizzato in un solo mese, dopo la rinuncia a causa della pandemia della Colombia, sede iniziale della competizione. “Da abruzzese sono orgoglioso di aver portato il mondiale nella mia terra – ha detto Sabatino Aracu, presidente di World Skate (Federazione mondiale sport a rotelle) – un mondiale sofferto e realizzato nonostante le grandissime difficoltà. Pianificare una competizione di questa importanza in un solo mese non è stato semplice ed è la dimostrazione che in Italia siamo all’avanguardia”. roccaraso1

L’talia venuta a Roccaraso con una formazione giovanissima, esce comunque a testa alta al cospetto di team con più esperienza e di maggiore caratura. La formazione azzurra chiude in maniera molto positiva un Mondiale che non era iniziato con il piede giusto. La positività al covid di tre giocatori, poi sostituiti, proprio nel giorno dell’arrivo a Roccaraso, aveva messo a rischio la presenza della Nazionale al torneo. “Siamo riusciti a stare in partita fino a metà del secondo tempo, poi siamo calati fisicamente – ha detto a fine gara il coach Rigoni – gli spagnoli ne avevano di più, mentre noi a causa della fatica fatta nei match precedenti, nel finale eravamo troppo stanchi. Il percorso fatto in questo ultimo mese dai ragazzi è da lodare – ha sottolineato l’allenatore italiano – Siamo arrivati a Roccaraso e già dal primo giorno la nostra partecipazione al Mondiale era addirittura in dubbio. Devo fare solamente i complimenti ai ragazzi per quello che hanno dato. Tutto quello che avevano per la maglia. Il rammarico rimane, perché la squadra è molto giovane e forse meritava qualcosa in più per quanto messo in campo. Abbiamo comunque disputato un grandissimo mondiale se si tiene conto dell’età media della rosa. Addirittura avevamo un quindicenne con noi”. Nella gara per l’oro, tra le due favorite del Mondiale, la Repubblica Ceca, con un netto 7 a 0, non dà scampo al Canada. Gli straordinari Patrik Sebek e Marek Loskot confermano il gioco espresso in tutto il torneo e permettono ai cechi, a distanza di 10 anni, di bissare il successo ottenuto proprio a Roccaraso, in finale contro l’Italia, nei Campionati del 2011. Nella World Skate Cup, torneo nel torneo, riservato alle squadre fuori dalle medaglie pesanti, è l’Argentina a conquistare l’oro sulla Namibia.

banner

Lascia un commento