banner
banner

Si è riunito oggi il Consiglio Provinciale di Pescara per discutere sul futuro delle Terme di Caramanico. Incontro richiesto dal gruppo Pd e da Uniti per Caramanico ma che ha visto l’assenza del gruppo governante. “Un’assenza che significa ciò che diciamo da troppi mesi: il centrodestra al governo della Regione non riesce né a scrivere, né a progettare il futuro della nostra più importante stazione termale. Da parte nostra continuiamo a sostenere che la Regione dovrebbe tornare a farsi parte attiva, acquistando i beni indispensabili all’erogazione delle cure termali, per arrivare a un unico bando, che tenga conto sia del patrimonio delle terme, sia della gestione delle acque e delle cure. Di fronte a un’azione che vada in questa direzione, non mancherà la nostra disponibilità: è doveroso lavorare per una soluzione immediata e fattiva, perché non possiamo lasciare le terme chiuse e perché questa inerzia ha causato già troppi danni al comparto turistico ed economico di Caramanico e di tutto l’Abruzzo. Un’occasione concreta, il confronto di oggi, per capire e sapere perché tale patrimonio è ancora fermo, perché nulla si sta facendo per dare futuro non solo a tutto il comprensorio, ma ai lavoratori che ne sono stati motore e servizi a un’utenza imponente e del tutto ignorata. Risposte attese, ma che non sono arrivate, perché il presidente Marsilio non si è presentato davanti all’Assemblea che riunisce tutti i sindaci della provincia, né ha delegato gli assessori Campitelli e Verì a riferire sullo stato dell’arte, questo nonostante il 90 per cento dell’offerta termale regionale dipenda proprio da Caramanico”. Questo il commento dei consiglieri del gruppo regionale Pd Silvio Paolucci, Antonio Blasioli, Dino Pepe e Pierpaolo Pietrucci.

banner

Lascia un commento