banner
banner
banner

Bloccati in strada dai carabinieri della stazione di Pescina, che arrestano una donna e denunciano il compagno di viaggio. È finita, così, la “corsa” dell’autovettura sospetta ricercata dai militari dell’Arma che hanno intensificato i controlli per contrastare i cosiddetti “reati predatori”. L’energica azione di pattugliamento ha coinvolto tutti i presidi dei carabinieri presenti in provincia. Negli ultimi cinque giorni le attenzioni si sono concentrare su una utilitaria segnalata muoversi furtivamente lungo i paesi della conca del Fucino. L’equipaggio della stazione di Pescina è riuscito a intercettare e bloccare il veicolo segnalato. Conseguenti i controlli degli occupanti, una donna 29enne e un uomo 22enne, provenienti da un paese dell’est Europa ma domiciliati da tempo in Italia. I militari operanti rilevano che sul conto della donna pende un’ordinanza di custodia cautelare per furto aggravato in concorso, emesso dal GIP di un tribunale piemontese. E per questo l’arrestano e procedono a perquisire entrambi i fermati estendendo l’atto di polizia giudiziaria anche sull’autoveicolo utilizzato per gli spostamenti. Dai preliminari accertamenti, inoltre, nei confronti della donna è stato anche possibile ipotizzare il suo coinvolgimento nel reato di furto aggravato ai danni di un’anziana di un paese vicino che, alcuni giorni prima, avvicinata con uno stratagemma lungo la strada di rientro verso casa, è stata privata del portafoglio con all’interno denaro contante. Mentre l’uomo è stato rilasciato, la donna è stata trattenuta e trasferita in carcere a disposizione del GIP del Tribunale piemontese che ha disposto la misura cautelare per il furto aggravato commesso nel proprio circondario.      

  

banner

Lascia un commento