banner
banner

La rassegna itinerante di teatro per ragazzi e famiglie “Frequent(I)Azioni” farà tappa, venerdì 18 agosto, a Scanno con lo spettacolo “Il Gatto con Gli Stivali”. La rassegna è realizzata dalla Cooperativa Fantacadabra (che ne cura la direzione artistica) con il sostegno del Comune di Scanno. La rassegna nasce per fare in modo da riservare, nel cartellone degli eventi estivi, uno spazio importante ai più piccoli, uno spazio che fosse divertente, di qualità e formativo, perché siamo convinti, che, soprattutto in questo periodo storico sia necessario dar vita a occasioni di incontro che siano altamente formative per i ragazzi.

Venerdì 18 Agosto ore 18.00 piazza Antonio Ciancarelli a Scanno lo spettacolo “Il Gatto con Gli Stivali” liberamente ispirato alla favola omonima di Perrault

Con: Santo Cicco, Laura Tiberi e Roberto Mascioletti.

Scene e costumi: Antonella Di Camillo e Daniela Verna

Musiche e canzoni di Paolo Capodacqua.

Ideazione e regia Mario Fracassi

Un giovane e sfortunato ragazzo si traveste da Gatto (assumendo su di sé il ruolo dell’eroe e, dunque, del bambino), usando l’astuzia e l’inganno, si procura ricchezza e felicità facendosi beffe del potere costituito; tale potere è rappresentato da un Orco da operetta…

Il ragazzo, terzo figlio di un povero mugnaio, riceve in eredità una maschera e un vestito da gatto. Naturalmente è disperato, ma, quando capisce il valore dell’eredità che il padre gli ha lasciato…

Lo spettacolo si presenta come uno scherzo leggero e irridente, dove tutte le situazioni che possono prestarsi alla risata, allo sberleffo, al nonsense e all’effetto comico sono amplificate ed accentuate dagli interventi dei personaggi come in una sorta di viaggio fantastico, con il trionfo della bizzarria e del gioco. Abbiamo voluto leggere in questa fiaba un riferimento esplicito alla Maschera e alla Commedia dell’Arte, trasformando il costume del “Gatto con gli stivali” (che indossa il giovane ragazzo) in una sorta di costume che rimanda all’idea di un Pulcinella o un Arlecchino.

Dedicato ai ragazzi dai 3 agli 11 anni

Lascia un commento