banner
banner

SULMONA – Arresto convalidato e obbligo di firma disposto per l’imprenditore di 51 anni, originario di Pratola Peligna, sottoposto a controllo anti droga da parte della Guardia di Finanza di Sulmona. Nel terreno di proprietà dell’uomo, adiacente alla sua attività, le Fiamme Gialle hanno rinvenuto 8 piante di cannabis che si presentavano in ottimo stato vegetativo, alcune delle quali già con inflorescenze aventi un’altezza media di 80 cm. Questa mattina, davanti al giudice del Tribunale di Sulmona Alessandra De Marco, l’imprenditore agricolo si è difeso sostenendo di aver regolarmente acquistato i semi di canapa sativa in un negozio del pescarese, esclusivamente per uso personale e coltivazione rudimentale, tenendo conto del basso principio di thc. L’indagato ha depositato anche le relative fatture. Il giudice, che ha convalidato l’arresto eseguito in flagranza di reato, ritiene invece solido il quadro probatorio poiché- si legge nell’ordinanza- “tale documentazione appare inidonea ad attenuare la gravità degli elementi raccolti, stante l’estrema genericità della stessa e tenuto conto del tempo trascorso, non risulta né rilevante né pertinente rispetto ai fatti”. Da qui l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di firma per tre sole volte alla settimana e l’immediata remissione in libertà dell’imprenditore, difeso dall’avvocato Alessandro Margiotta, che risulta incensurato e non trae sostentamento dalla coltivazione della sostanza. (a.d’.a.)

Lascia un commento

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com