banner
banner

SULMONA – “Mettere a disposizione del mercato turistico e immobiliare un paese sicuro, tranquillo, messo a norma per conseguire una piena crescita economica della città”. Anche imprenditori e associazioni di categoria scendono in campo e si lanciano a capofitto nell’animato dibattito della sicurezza sismica di scuole ed edifici pubblici, all’indomani del tragico sisma che ha messo in ginocchio la popolazione del reatino. A parlarne a Onda Tg è il responsabile di sede della Cna Franco Ruggieri, titolare anche di uno storico locale in centro storico. “Abbiamo accusato il colpo già dal giorno successivo all’evento sismico”- fa notare Ruggieri- che punta i riflettori sul salotto della città e sul mercato immobiliare che ha dato segnali negativi. “La zona che viene dichiarata a rischio dal punto di vista sismico è quella che poi risente di una certa fobia”- rincara l’esercente. “E’ giusto intervenire sulla sicurezza che potrebbe recare un vantaggio. Mettere sul piatto della bilancia una città sicura significherebbe cambiare la rotta e puntare su un turismo residenziale che al momento è l’unica via per uscire dalla crisi”, conclude Ruggieri.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento