banner
banner

SULMONA – Sala gremitissima, applausi a non finire e un finale commuovente. La formula del teatro che annienta la solitudine funziona a gonfie vele. A darne dimostrazione è stato ieri sera, al Cinema Pacifico di Sulmona, il Centro Sociale Anziani che con la compagnia “Il Risveglio” ha messo in scena l’esilarante commedia “Avendo, potendo, pagando”. Non una gara a colpi di gerundio ma uno spettacolo che alla fine ha lanciato il suo messaggio: nella vita l’onestà vale più del denaro. E che il monito parta dagli anziani è particolarmente significativo in una società che assiste al depauperamento di tutti i valori. Ma dietro il progetto del Centro Anziani c’è molto di più. Vi è innanzitutto la convinzione che il teatro non fa invecchiare, rende giovani nell’animo e nello spirito, e aiuta a combattere la solitudine e l’isolamento sociale che restano il male del secolo. “E’ questo il nostro principale obiettivo”- ha ricordato la Presidente dell’associazione culturale Arianna, Marisa Zurlo, regista della commedia che da qualche anno sta affiancando il Centro Anziani nel progetto che piace alla città. La Zurlo ha ricordato il valore del teatro amatoriale che conserva una certa qualità e ha chiesto alle istituzioni presenti, il sindaco Annamaria Casini e l’assessore Piero Fasciani, di incentivare questa forma di teatro. Soddisfatto per la riuscita dell’evento il Presidente del Centro Anziani, Giacomo Spinosa. “Sempre con la passione e voglia di dare qualcosa di positivo alla nostra bella città, noi continueremo ad impegnarci con forza e voglia di non arrendersi e che sia foriero come ulteriore messaggio di risveglio e vera rinascita”- ha detto Spinosa dando appuntamento alla prossima commedia.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento