banner
banner
banner

SULMONA – L’emergenza non ferma i furti nelle attività commerciali. Due persone, entrambe già note alle forze dell’ordine, sono state deferite nella giornata di ieri all’autorità giudiziaria dalla Polizia di Stato. Protagonista del primo episodio è una 41enne di Sulmona che,  in pieno lockdown, aveva asportato dalla cassa di un bar l’intero incasso, approfittando della momentanea assenza dal bancone della barmaid. Quest’ultima si era resa conto dell’ammanco soltanto al momento della chiusura della cassa.  La successiva analisi dei filmati, tratti dal sistema di videosorveglianza, ha permesso agli investigatori di identificare l’autrice del furto. La seconda attività investigativa fa riferimento al disegno criminoso di un 46enne, di Pratola Peligna, il quale, lo scorso 15 maggio, aveva sottratto con destrezza alcune bottiglie di liquore dagli scaffali di un supermercato di Sulmona, per poi cederle a due bar della zona.  Solo dopo il furto, i titolari del supermercato si sono resi conto dell’ammanco ed hanno visionato le registrazioni della videosorveglianza interna accorgendosi di un soggetto che, con malcelata nonchalance, aveva nascosto ben sette bottiglie sotto i suoi abiti riuscendo a superare le casse.  Anche in questo caso la scansione delle immagini del sistema di videosorveglianza ed i riscontri informativi degli investigatori hanno consentito di individuare l’autore del reato, che è stato denunciato in Procura per furto aggravato e di recuperare la refurtiva presso due bar della cittadina.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento