banner
banner
banner

SULMONA – “Un secondo terremoto economico che ancora una volta ci mette in ginocchio”. Così il sindaco di Vittorito Carmine Presutti sui danni alle colture peligne, provocati dal maltempo dei giorni scorsi. Referente della provincia dell’Aquila presso il direttivo regionale delle Città del Vino, Presutti in un’intervista telefonica a Onda Tg spiega come i danni solo per il settore vitivinicolo hanno toccato la soglia del 70%. Nessun raccolto per i circa trecento ettari di terreno nei comuni delle Terre dei Peligni. Un abbassamento della produzione delle campagne vinicole che si ripercuoterà non solo sulla stagione in corso ma anche su quella prossima. “ Siamo appena usciti dal problema terremoto con notevoli danni soprattutto per i comuni e le aziende fuori cratere, ora siamo doppiamente penalizzati”, incalza il sindaco di Vittorito che sollecita la Regione Abruzzo a individuare una soluzione alternativa alla calamità naturale. Secondo il primo cittadino mancherebbero infatti i requisiti. Il prossimo 4 maggio si terrà a Pescara un tavolo regionale con i portatori d’interesse. Presutti sta facendo di tutto per spostare la location in Valle Peligna perché- sostiene- “ è un atto dovuto da parte della Regione”. “ L’ho chiesto espressamente tramite una lettera e spero che questo avvenga, altrimenti è probabile che nemmeno ci andrò a Pescara”, conclude Presutti.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento