banner
banner
banner

SULMONA – Comune e Cogesa corrono ai ripari per lo spazzamento domenicale. La guerra politica in atto all’interno della società partecipata continua a tenere con il fiato sospeso addetti ai lavori e cittadini per i possibili risvolti sul piano amministrativo e sull’erogazione dei servizi all’utenza. Dopo la riduzione del secco e del vetro, che ha creato non pochi problemi nei quartieri della città anche se non si è configurata una situazione emergenziale, la problematica che si era venuta a creare era quella dello spazzamento domenicale. Con la rimodulazione del servizio per l’autoriduzione del Pef, il rischio era quello di cancellare l’attività di pulizia domenicale con ovvie conseguenze per il decoro della città, soprattutto per i postumi del sabato sera. L’after dei rifiuti avrebbe creato non pochi problemi alla quotidianità e all’immagine della città. Per questo il Comune ha spinto per blindare il servizio e il Cogesa ha dovuto trovare la soluzione dell’ultimo minuto. È la dimostrazione che il braccio di ferro rischia davvero di creare un corto circuito senza precedenti. La speranza è che il prossimo 20 gennaio, nel corso del controllo analogo, la spaccatura possa rientrare con il confronto diretto tra sindaci e l’amministratore unico Gerardini che pure ha messo le dimissioni sul tavolo dopo la lettera dei 41 e la diffida.

banner

Lascia un commento