banner
banner

SULMONA – “Venga a vedere con i suoi occhi il livello di sicurezza che attuiamo. Sono certa che comprenderà che le estetiste sono, tra le categorie, quella più rispettosa delle normative igienico-sanitarie, la categoria che vuole aiutare il paese ad iniziare la fase due da lei indicata, per far ripartire subito, adesso, la nostra amata Italia”. A scrivere al premier Giuseppe Conte è stata un’estetista di Sulmona, Loretta Salvatore, del Centro Glitter estetica, che si appella al governo per anticipare la riapertura fissata per il prossimo 1 giugno. La professionista del settore ricorda che nel suo centro le misure volte a tutelare il distanziamento sociale sono già in vigore da tempo: appuntamenti con 1 sola pax per volta ,utilizzo di dispositivi di protezione usa e getta ( guanti, mascherina, gel igienizzante), sterilizzazione strumenti, con il protocollo di sterilizzazione dell’autoclave medicale, igienizzazione delle persone e sanificazione degli ambienti  , raccolta differenziata materiali utilizzati. “Il suo decreto implica il mettere in grave pericolo oltre 263mila addetti e 130mila imprese (nello specifico 35.000 centri di estetica e 95.000 acconciatori), induce il lavoro nero e l’abusivismo a cui le persone ricorreranno con implicazioni gravissime e rischiose per la salute pubblica”- tuona la sulmonese nella lettera indirizzata a Conte-  “io voglio evitare di diventare un’abusiva, non voglio lavorare in nero, non voglio evadere il fisco perché sono un’imprenditrice che dà lavoro. Sono una donna che ha avviato un’attività artigianale nonostante mille difficoltà. Sono un’estetista professionista, attenta e scrupolosa, che vuole lavorare per garantire il mio contributo al paese, per cui sono a farle una richiesta: venga nel mio centro”. Una richiesta forte e diretta che mira a rimettere in moto uno dei settori più colpiti dall’emergenza, che lavora a stretto contatto con le persone, e che rischia di non ripartire se non vengono assicurati interventi mirati per lavorare in tutta sicurezza.

 

Andrea D’Aurelio

Lascia un commento