banner
banner
banner

SULMONA – Non si allenta la pressione dell’ondata estiva sul territorio peligno-sangrino. Sono 120 i nuovi casi finiti nel bollettino della Asl (di cui 1 extra area), comprese 12 ripositivizzazioni, così distribuiti: Sulmona 32, Pratola Peligna 11, Castel di Sangro 10, Raiano 9, Pescasseroli 6, Castelvecchio subequo 6, Roccaraso 5, Scontrone 4, Rivisondoli 4, Villetta Barrea, Introdacqua 3, Campo di Giove 3, Bugnara 3, Vittorito 2, Scanno 2, Roccacasale 2, Pescocostanzo 2, Pacentro 2, Molina Aterno 2 Cocullo 2, Prezza 1, Pettorano sul gizio 1, Goriano Sicoli 1, Gagliano Aterno 1, Castel di Ieri 1. Se Sulmona mantiene il primato, va rilevato il carattere diffuso e comprensoriale del contagio che si estende su quasi trenta comuni del comprensorio, anche nelle località turistiche. La curva epidemiologica continua a crescere senza alcun segnale di tregua. Le rilevazioni risultano sovrapponibili ai 120 casi registrati ieri, mentre il trend cresce se si confronta il dato odierno con le 111 positività messe a referto lo scorso venerdì. Gli attuali positivi sul territorio arrivano a quota 1491. Nuova giornata di “riposo” per la comunicazione delle guarigioni che pure sono state rilevate. Restano 5 gli attualmente degenti, tutti in area medica, anche se l’ospedale di Sulmona resta in affanno per via dei carichi di lavoro estenuanti legati alla carenza di personale, al piano ferie e ai contagi. Nuove positivitá sono state riscontrate tra gli operatori sanitari dell’ortopedia, del Centro Trasfusionale e del 118. Il focolaio della medicina sembra assestato anche se il personale è ormai ridotto al lumicino. Intanto, oltre ai contagi estivi, anche i vaccini tornano a spiazzare gli addetti ai lavori. Nel vero senso della parola. Questa mattina nel centro vaccinale di viale dell’Industria, nonostante un clima di disaffezione generale legato allo scenario epidemiologico, è tornata la fila per la quarta dose. L’incremento dei numeri diventa palpabile. Sono state infatti inoculate circa cento fiale nel giro di tre ore. Soglia ben lontana dai dati registrati nell’ultimo periodo. Per l’approviggionamento delle dosi e per evitare affollamenti e assembramenti nei pressi nell’hub, come avvenuto alle 8.15 di questa mattina, è preferibile effettuare la prenotazione (prenotazioni.vaccinicovid.gov.it/).

banner

Lascia un commento