banner
banner

Doppia operazione della Squadra Volante della Questura di L’Aquila che in tre giorni ha effettuato due arresti per furto aggravato nonché per resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. In particolare, nel pomeriggio del 31 agosto gli agenti, impegnati nei servizi di controllo del territorio, sono intervenuti presso la Chiesa “San Francesco di Assisi” di L’Aquila dove era stata segnalata la presenza di un individuo che si era introdotta all’interno del luogo di culto, forzando, con l’ausilio di strumenti da scasso, la cassetta delle offerte. A notare l’uomo, un cittadino aquilano di  quarantadue anni, è stato il Parroco che, grazie al sistema di sicurezza, ha sorpreso il malintenzionato mentre cercava di darsi alla fuga dopo essersi accordato dell’attivazione dell’allarme acustico. Il sacerdote ha deciso pertanto di contattare immediatamente il 113 e gli agenti della Squadra Volante, giunti rapidamente sul luogo, si sono posti subito alla ricerca del sospettato, riuscendo ad individuarlo e ad arrestarlo, dopo un breve inseguimento, in una via attigua alla Parrocchia . La scorsa notte, invece, è stato tratto in arresto un cittadino ventottenne nigeriano pluripregiudicato mentre, in evidente stato  di alterazione psico-fisica, si aggirava con delle bottiglie di vetro in mano nei pressi degli esercizi commerciali situazioni in prossimità della rotatoria tra Viale della Croce Rossa e Via del Beato Cesidio, con il chiaro intento di danneggiare i locali, mettendo in pericolo anche l’incolumità degli avventori. Gli agenti, intervenuti prontamente, hanno da subito notato l’atteggiamento poco collaborativo e ostile dell’uomo, in rapida progressione, evolveva in parole e gesti di sotto, lanci di oggetti atti ad offendere sino ad arrivare al tentativo di aggressione fisica. Gli operatori, pertanto, provvedevano a contenere lo straniero, non senza difficoltà ad accompagnandolo per gli atti di rito in Questura dove veniva arrestato e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Inoltre, nei confronti dell’uomo, irregolare e senza fissa dimora, si procederà anche alla formalizzazione dell’iter finalizzato all’espulsione dal territorio nazionale.

Lascia un commento