banner
banner

Dalla festa per il mezzo secolo ai contratti di solidarietà è un attimo. Tra parti sociali e la Magneti Marelli di Sulmona è stato siglato un contratto per tutelare i dipendenti che sono pronti a tagliarsi tutto lo stipendio per poter continuare a lavorare nonostante i problemi legati alle commesse. L’andamento altalenante delle commesse che arrivano principalmente dalla Sevel di Atessa ha spinto negli ultimi mesi l’azienda a far ricorso alla cassa integrazione. Per questo la rappresentanza sindacale aziendale e le segreterie Fiom-Cgil, Uilm-Uil e Ugl (con Elvira De Sanctis, Michele Paliani, Domenico Amiconi) e Fim-Cisl, hanno incontrato la direzione aziendale per poter capire come affrontare il nuovo anno. Azienda e sindacati hanno deciso di sottoscrivere un contratto di solidarietà difensivo, in vigore dal 9 gennaio al 23 dicembre 2023. In queste settimane l’azienda per far fronte al calo delle commesse sta usufruendo della cassa integrazione del “decreto Ucraina” scattata il 5 settembre e in vigore fino al 31 dicembre. Subito dopo si passerà a questa nuova forma di ammortizzatori sociali che sarà in vigore fino alla fine del nuovo anno.Dopo oltre due anni di sacrifici 467 su 650 dipendenti del sito industriale, dove si producono componenti per l’automotive, dovranno stringere ulteriormente la cinghia.

banner

Lascia un commento