banner
banner

SULMONA – La Procura della Repubblica di Sulmona ha chiesto il rinvio a giudizio per un 82 enne di Pettorano sul Gizio, I.S., proprietario del cantiere in località Tratturo dove il 3 febbraio del 2021 morì Giuseppe Pascucci, 70 enne del posto, precipitato dall’impalcatura. Il giudice per le udienze preliminari, Marta Sarnelli, ha quindi fissato l’udienza per il prossimo 14 settembre. Dagli atti d’indagine è emerso che il 70 enne si era recato nel cantiere per ripulire le sterpaglie. Avrebbe raggiunto, in seguito, l’ultimo piano della palazzina in compagnia del proprietario del complesso. A quel punto, in maniera del tutto autonoma, sarebbe salito sull’impalcatura che si trova su un lato dell’edificio e da lì sarebbe precipitato da un’altezza di circa dieci metri per aver messo probabilmente un piede in fallo. Il proprietario a quel punto aveva allertato i soccorsi ma per il 70 enne non c’era più nulla da fare. I primi ad intervenire sul posto furono i Vigili del Fuoco per la vicina collocazione della caserma. Poi l’ambulanza con i sanitari che avevano constatato il decesso. Purtroppo non potevano fare altro. Formalmente il cantiere era fermo da almeno tre anni, il permesso a costruire era scaduto e sul posto non c’erano lavori. Tuttavia la Procura contesta l’omicidio colposo al proprietario il quale, secondo l’accusa, avrebbe dovuto tenere chiuso il cantiere al fine di impedire al 70 enne di salire sull’impalcatura. Diversa la tesi dell’avvocato difensore, Vittorio Masci, secondo il quale il fatto è assolutamente imprevedibile. Al Gup il compito di sbrogliare la matassa e di accertare se il castello probatorio è solido per essere sostenuto in giudizio.

Lascia un commento