banner
banner

SULMONA – Verificare ed eliminare i fattori di pericolo per caduta alberi e pericolo di incendio nei terreni limitrofi alla stazione di Sulmona. Lo ha stabilito con apposita ordinanza il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, per prevenire la caduta degli alberi e il pericolo incendi lungo le linee ferroviarie. A far scattare l’ordinanza è stata Rete Ferroviaria Italiana che aveva chiesto al sindaco l’opportunità di emettere ordinanza nei confronti di tutti i proprietari di terreni a confine con le linee ferroviarie per l’osservanza scrupolosa delle distanze di sicurezza previste. Non a caso la normativa vigente prevede che lungo i tracciati delle ferrovie è “vietato far crescere piante o siepi ed erigere muriccioli di cinta, steccati o recinzioni in genere ad una distanza minore di metri sei dalla più vicina rotaia, da misurarsi in proiezione orizzontale, e la misura indicata può, occorrendo, essere aumentata in modo che le piante od opere non si trovino mai a distanza minore di metri due dal ciglio degli sterri o dal piede dei rilevati, o, al minimo, di 1 metro per le siepi, muriccioli di cinta e steccati di altezza non maggiori di metri 1,50”. Da qui il provvedimento emesso dalla Casini che ordina “a tutti i proprietari, possessori detentori a qualunque titolo comunque coobbligati dei terreni limitrofi alla sede ferroviaria nel territorio del Comune di Sulmona, ciascuno per particella catastale di propria competenza, ancorché gestiti da terzi, di verificare ed eliminare i fattori di pericolo per caduta alberi e pericolo di incendio e loro propagazione, come descritti dagli art. 48, 52 e 55 del D.P.R. 753/80, con decorrenza immediata dalla data di pubblicazione dell’ ordinanza all’albo Pretorio del Comune, al fine di scongiurare situazioni di pericolo per la circolazione dei treni e la sicurezza dei viaggiatori”. Per i trasgressori si applicherà la sanzione amministrativa prevista dalla normativa.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento