banner
banner

SULMONA – Disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone e inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. Sono queste le accuse contestate all’ex Manager della Asl, Rinaldo Tornera, rinviato a giudizio nei mesi scorsi dal giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Sulmona. Il processo comincerà a febbraio. La notizia è trapelata solo in queste ore dopo l’ennesima protesta da parte dei residenti di viale Mazzini e traverse per i rumorosi impianti del nosocomio che oltre a creare nocumento per il disturbo del sonno, sarebbero la fonte di inquinamento della zona. Per questo l’avvocato, Valentina Di Benedetto, che assiste una delle famiglie che si sono costituite parte civile nel procedimento, ha chiesto un accesso agli atti all’Arta per acquisire le risultanze dei rilievi svolti recentemente a casa di un suo cliente, che ha acconsentito al sopralluogo dei tecnici. La battaglia dei residenti è iniziata nel lontano 2016. La contestazione per l’allora rappresentante legale dell’azienda è quella di non aver impedito che i rumori dell’impianto di termoventilazione delle sale operatorie e del generatore superassero i limiti previsti nella normativa vigente. “È un problema annoso che oggi è diventato palpabile e tangibile. Per questo speriamo in una definitiva risoluzione”- concludono i residenti ormai esausti di continuare a subire tali rumori di fronte alla più totale indifferenza dell’azienda sanitaria che per prima dovrebbe salvaguardare la salute dei cittadini.

banner

Lascia un commento