banner
banner
banner

SULMONA – Non mancano le reazioni scomposte, financo le minacce, dopo la sentenza della Corte d’Appello della Figc che ha portato alla penalizzazione della Juventus alla quale sono stati sottratti 15 punti per il caso dei presunti bilanci truccati. Intimidazioni e insulti via social stanno prendendo di mira Chinè, il Presidente Gabriele Gravina sulmonese di adozione e la sua compagna residente in città, Francisca Ibarra, alla quale è stata anche attribuita una falsa storia Instagram dove campeggiava un “-15” con il logo della società bianconera. Per tutti questi casi – da quanto si apprende – è in corso la segnalazione alle autorità competenti. Dalla Figc filtrano “sdegno per gli insulti e le minacce, e solidarietà ai destinatari di queste aggressioni social”.

banner

Lascia un commento