banner
banner

whatsapp-image-2021-02-16-at-19-34-59SULMONA – Maschere, coriandoli, stelle filanti e bombolette spray. A farsi un passeggiata lungo la centralissima piazza Garibaldi di Sulmona non sembra che il Carnevale si sia ricordato della pandemia da Covid-19. La scena, stando almeno a un primo impatto, sembra quella di sempre. Poi, basta incrociare gli sguardi, per capire che nell’annata del 2021 si cerca di calmierare il rispetto delle regole con la voglia di far giocare i bambini. Perché il Carnevale è solo per loro. Da questa mattina è iniziata la “sfilata” informale delle maschere nella centrale piazza. Si sono quindi alternati momenti al limite del tollerabile con rischi di assembramento. Per questo le forze dell’ordine, solo in alcune fasce orarie s’intende, hanno perlustrato il plateatico per controllare lo stazionamento dei nuclei familiari nella piazza del mercato. Sulmona, seppur in forma molto ridotta e con un movimento che ha coinvolto prettamente i rispettivi nuclei familiari, non ha voluto rinunciare all’atmosfera carnevalesca. 151428660_116898670306654_7163511467757053302_nAnche qualche adulto, da solo o al massimo in due, senza stazionare, si è mascherato. Chi da amuchina tanto per restare in tema e chi, come hanno fatto un gruppo di giovani sulmonesi, riciclando i rifiuti, ovvero scatoloni abbandonati nei supermercati. Il Carnevale, senza brindisi e feste in maschera, ha salvato quantomeno l’estro e la creatività.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento