banner
banner

L’AQUILA – “Una vicenda assurda e sgradevole è arrivata finalmente ad un primo approdo positivo”. Questo il commento della senatrice Stefania Pezzopane dopo i quattro rinvii a giudizio per la vicenda della tentata estorsione nei suoi confronti. “Un tentativo squallido di denigrarmi e danneggiarmi – aggiunge – che si inquadra in una vicenda ben più complessa in cui sono coinvolte anche altre figure politiche, come l’ex presidente Chiodi. Addirittura in qualche intercettazione gli imputati esprimono l’intenzione di coinvolgere anche Giovanni Legnini. Nelle intercettazioni i due esprimono l’intenzione di ‘demolirmi’ politicamente, di distruggermi con storie assurde, ricatti, foto taroccate, addirittura con il coinvolgimento di altre persone, in particolare di una donna di cui si fa nome e cognome. Ma lucidamente e non avendo nulla da nascondere mi sono rivolta alle forze dell’ordine ed all’autorità giudiziaria. C’è da chiedersi – prosegue la parlamentare – se gli imputati abbiano agito per proprio conto o se dentro un disegno che vede il coinvolgimento di qualche avversario politico o di certa stampa abituata a scandali inventati di sana pianta. Una vicenda dolorosa, che mi ha colpito e danneggiato, producendo sofferenza a me ed ai miei cari. Il rinvio a giudizio è il primo passo. Attendo serena l’evoluzione del procedimento giudiziario”. Fra le quattro persone rinviate a giudizio, una è di Corfinio. (Red)

Lascia un commento

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com