banner
banner

“Desta sempre maggiore preoccupazione la vicenda dell’internalizzazione del contact center dell’Inps e la sorte dei lavoratori che da anni prestano un servizio qualificato e frutto di una lunga esperienza, oltre cinquecento dei quali fanno capo al territorio aquilano”. Lo dichiarano Daniele D’Angelo e Marcello Dundee, consiglieri di ‘Coraggio Italia’ al Comune dell’Aquila. “La vaghezza che tuttora circonda le modalità dell’operazione e la mancanza di rassicurazioni circa l’applicazione della clausola sociale – proseguono – sono dati di fatto che nessuna parola astratta pronunciata dai vertici dell’Inps circa la volontà di valorizzare le prestazioni rese può cancellare. Ragioni tanto sociali quanto legate all’efficienza di un servizio divenuto particolarmente nevralgico con lo scoppio della pandemia dovrebbero portare nella direzione della salvaguardia dei livelli occupazionali e nella tutela dei lavoratori, in particolare in un territorio come L’Aquila che non può permettersi un’altra emergenza sociale. E’ per questo che invieremo al presidente del consiglio comunale – concludono D’Angelo e Dundee – la richiesta di convocazione di un consiglio straordinario per un confronto diretto con tutti gli attori sociali e istituzionali a vario titolo interessati o coinvolti, per aiutare i lavoratori a tenere i riflettori accesi su questa vicenda, per sollecitare risposte chiare e per acquisire ogni ulteriore elemento di conoscenza e di indicazione strategica al fine di indirizzare al meglio la necessaria operosa vicinanza da parte del territorio e delle sue istituzioni”.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com