banner
banner

La giunta comunale, su proposta dell’assessore all’Ambiente, Fabrizio Taranta, ha approvato nella seduta odierna il progetto relativo alla creazione di un polo per il trattamento e la valorizzazione di biomassa residua arborea e arbustiva, che sarà affidato alla società partecipata comunale ASM SPA.

“Per superare l’attuale contesto di crisi del mercato dell’energia il Comune dell’Aquila punta alle fonti rinnovabili. Dopo aver costituito la rete delle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) per promuovere ed incentivare la capacità locale di produzione di energia da fonti alternative, con questo nuovo progetto cerchiamo di cogliere l’opportunità rappresentata dai percorsi di valorizzazione energetica delle biomasse, – dichiara Taranta –perché i residui legnosi opportunamente trasformati potranno alimentare ad esempio impianti di teleriscaldamento, trasformandosi in una risorsa importante anziché in un costo (quello che oggi ASM sostiene per lo smaltimento)”. “L’amministrazione comunale – annuncia l’assessore all’Ambiente – ha già individuato un’area di proprietà nella quale collocare i residui legnosi, frutto delle attività di manutenzione, che potranno essere messi a disposizione sia dai privati cittadini, a titolo del tutto gratuito, sia da altri enti pubblici, tra cui la Regione Abruzzo, che ha già manifestato la volontà di fornire al Comune il materiale legnoso derivante dagli interventi di manutenzione idraulica lungo il fiume Aterno e il torrente Raio”.

Il progetto di fattibilità tecnico-economica, presentato da ASM SpA, consiste nella realizzazione di un polo di valorizzazione di biomassa residua legnosa o arbustiva, tramite deposito (stagionatura), taglio e riduzione volumetrica (cippatura con produzione di cippato certificato), in un’area di circa 700 mq di proprietà comunale adiacente al Centro di Raccolta dei Rifiuti Urbani di L’Aquila Ovest. Il costo complessivo dell’intervento ammonta a circa 1,3 milioni di euro, con una spesa per i lavori di allestimento dell’area pari a 420mila euro e 930mila euro per le forniture dell’impiantistica mobile necessaria.

banner

Lascia un commento