banner
banner
banner

bussi

Il neo presidente della commissione d’inchiesta sul sito di Bussi, Antonio Blasioli, mercoledì 17 giugno alle ore 10 effettuerà un sopralluogo sul sito di Piano d’Orta e a cui parteciperanno anche il Sindaco di Bolognano, l’Arta, il Servizio gestione rifiuti della Regione Abruzzo e il Comandante della Polizia Provinciale.

I siti di Bussi e Piano d’Orta hanno rappresentato un polo industriale elettrochimico di grande importanza per l’Abruzzo e di riferimento a livello nazionale ma sono anche accomunati dallo stesso proprietario, dal medesimo destino industriale, fanno entrambi parte dello stesso SIN e per un verso scontano anche un destino comune

E’ stato individuato il soggetto inquinatore, nella Edison, ma nel sito oggetto del sopralluogo, il Ministero ha approvato il Piano operativo di bonifica (P.o.b.) limitatamente alla rimozione dei rifiuti di produzione, che sembrerebbe non aver avuto seguito, mentre da due anni l’analisi di rischio sanitario e ambientale viene osservato, ma non è stato ancora definito”.

Ora, continua Blasioli, spero si possa evitare di concedere a Edison altro tempo prima di ottemperare a quanto dovuto e rinviando ulteriormente la bonifica, tanto che in caso di mancato accordo spero che il Ministero possa decidere. Quella di mercoledì sarà l’occasione per visitare il sito della ex Montecatini, in modo che i Commissari possano farsi un’idea dal vivo della situazione attuale e della lunga procedura, anche attraverso la presenza del Servizio rifiuti e dell’Arta e avremo modo di fare il punto sul contenzioso che riguarda proprio Piano d’Orta, al fine di verificare cosa ha deciso la Regione Abruzzo in merito all’allargamento del SIN

Bisogna riprendere un lavoro importante di approfondimento e di analisi, che nei prossimi tre mesi avrà un ritmo serrato, per avere una conclusione utile alla comunità e alla piena conoscenza della situazione e delle azioni fatte e concertate e che condividerò con i Commissari cercando di chiudere il cerchio dei sopralluoghi e audizioni decisi all’insediamento e, si spera, di vedere entrare nella fase operativa, l’inizio di una bonifica attesa troppo a lungo.

banner

Lascia un commento