banner
banner

“In Abruzzo Forza Italia è stata la risorsa indispensabile al centro destra per raggiungere il ballottaggio nelle cinque maggiori città dove prima governava il centro sinistra. Nella difficilissima sfida di Lanciano, abbiamo sfiorato la vittoria al primo turno, mentre a Vasto e Francavilla al Mare, tutte governate dal centro sinistra, la partita è aperta. A Roseto William Di Marco è riuscito ad ottenere un difficilissimo accesso al ballottaggio, superando uno storico avversario del radicato nel territorio come Ginoble.  L’unico risultato deludente è stato quello di Sulmona, dove non andremo al ballottaggio e questo ci spiace e ci preoccupa“. Lo scrive in una nota il coordinatore regionale di Forza Italia Abruzzo, Nazario Pagano. “Nei comuni più piccoli – aggiunge – è indubbio che il centrodestra abbia prevalso sugli avversari politici, soprattutto in Provincia di Pescara e Chieti dove il centro sinistra è stato battuto ovunque. In particolare, vorrei complimentarmi per l’importante risultato di Gilberto Petrucci a Penne e la netta riconferma di Giorgio De Luca a Manoppello. Vorrei inoltre rivolgere un sincero augurio di buon lavoro a tutti i sindaci, eletti per la prima volta o confermati, che hanno offrire una valida alternativa rispetto ai contendenti: Filippo Marinucci a Casalbordino, Giorgio Di Clemente a San Giovanni Teatino, Daniele Carlucci a Scerni, Luca Conti a Casalanguida, Gianfranco D’ Isabella a Carunchio, Domenico D’Angelo a Pennadomo, Vincenzo Catani a Picciano, e Nunzio Di Donato di Pescosansonesco. Per ottenere una netta vittoria ai ballottaggi- continua il coordinatore di Forza Italia Abruzzo, sen. Nazario Pagano- il centrodestra deve pensare, ora più che mai, in termini di coalizione, mettendosi subito al lavoro. In Abruzzo il segnale politico che arriva da questo primo turno di elezioni amministrative è piuttosto chiaro: senza l’area moderata e liberale di Forza Italia, il centrodestra trova difficoltà a raggiungere una decisione presa nelle urne. In questi giorni bisognerà quindi saper ottenere quel voto di opinione più moderato che il nostro partito avrà realtà per anni, fungendo da federatrice dell’intero centrodestra. Ora occorre il massimo impegno di tutti, con la consapevolezza che non si tratta di sottrarre qualche candidato ai propri alleati ma di conquistare la fiducia degli elettori e che i nostri veri avversari sono dall’altra parte del campo. La nostra missione- conclude il senatore Pagano- deve essere quella di rilanciare una coalizione di centro-destra alternativa alla sintesi PD – 5Stelle, messa in piedi appositamente per queste elezioni”.  

Lascia un commento

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com