banner
banner

PRATOLA PELIGNA – Nel 2015 la mortalità in Italia è aumentata avvicinandosi ai dati del 1945, l’anno in cui si è chiuso il secondo conflitto mondiale. Un dato che per Valter Santilli, ordinario di Medicina e Fisica Riabilitativa dell’Università “La Sapienza” di Roma, va preso assolutamente in considerazione. “Se siamo arrivati a questo è perché ci sono troppi tagli nella sanità”- ha esordito il medico ai microfoni di Onda Tg- dopo aver presentato il suo testo “Per il bene del paziente” nel Teatro Comunale di Pratola Peligna. Un ritorno alle origini per Santilli dal momento che il padre era pratolano. Il medico vanta un curriculum di tutto rispetto e nel 2007 fu scelto da papa Francesco come suo fisiatra di fiducia al Policlinico “Umberto I” della capitale. Santilli spiegò all’allora cardinale che “nel libro della Genesi dell’Antico Testamento al capitolo 32, dove si racconta l’episodio della lotta di Giacobbe con l’Angelo, quest’ultimo lo toccò sul nervo sciatico e sull’articolazione dell’anca. In quella notte dopo la sciatica il Signore cambiò il nome a Giacobbe in Israele”. “Succederà la stessa cosa a lei”- esordì il medico al futuro pontefice. Detto fatto, Bergoglio diventa papa Francesco e qualche tempo dopo la fumata bianca squilla il cellulare del professore, dall’altro capo del telefono una voce nota: “Una volta il mio nome era Jorge Mario Bergoglio, poi il Signore mi ha cambiato il nome”. A parlare era il papa. Dopo aver raccontato questo aneddoto, il fisiatra ha spiegato che oggi “non c’è attenzione alla cura del paziente con la giustificazione che bisogna risparmiare e non si stanno tagliando solo gli sprechi ma anche i servizi”. Nel testo vengono riportate le odissee di pazienti che si mettono in fila per un elettrocardiogramma o mammografia, viene citato il ruolo della riabilitazione e l’automedicazione degli utenti su google e la scelta dei Direttori Generali che- secondo Santilli- non dovrebbero essere nominati dalla politica. L’incontro, moderato dal giornalista Ennio Bellucci, è stato aperto dai saluti istituzionali del sindaco di Pratola Peligna Antonio De Crescentiis e dalla Presidente dell’associazione Spazio Giovane Lorenza Petrella. Nel salotto del Teatro Comunale sono intervenuti anche l’ortopedico Sergio Tobia Margiotta e il Direttore Sanitario del San Raffaele di Sulmona Giorgio Felzani che ha rilanciato il tema della riabilitazione come punto di partenza per una sanità più vicina al paziente.

Andrea D’Aurelio

banner

Lascia un commento