banner
banner

SULMONA – A trionfare è stata lei, la piccola Francesca Celeste, con l’originalissimo costume di Picasso. Ma la vera vittoria, quella che qualche anno fa non era scontata, è di aver rimosso le mascherine per tornare a premiare la mascherina. La giocosa kermesse, giunta all’edizione numero 55, si è ripetuta nel pomeriggio tra coriandoli, musica, estro e solidarietà. Un graditissimo ritorno a casa per la Mascherina d’argento, nel Teatro Maria Caniglia, gremito dalle famiglie e dai più piccoli. Quarantadue in tutto, dai 3 ai 10 anni, che hanno sfoggiato la mascherina più bella, dando prova di estro e creatività. C’era papa Celestino, la Costituzione fatta persona, Pippi Calze Lunghe e il Carabiniere. Solo per citarne alcune. Ma per i giurati Picasso vince su tutte per la cura dell’originalità. “Una vittoria di tutti. Perché essere tornati su questo palco non è stata proprio una passeggiata”- commenta il patron, Ivan Giampietro accompagnato dal volto della manifestazione, Luca Di Nicola, dal testimonial e amico della città, Beppe Convertini, dal sindaco della città, Gianfranco Di Piero e dal Presidente della Fondazione Carispaq, Mimmo Taglieri. Che il carnevale cominci.

Lascia un commento