banner
banner

SULMONA – Sportello chiuso di domenica, biglietterie self service a ranghi ridotti e servizio on line in versione “attendere prego”. Prendere il treno per Pescara è risultata una vera e propria impresa per un gruppo di passeggeri peligni che, a causa dei disservizi nella stazione ferroviaria sulmonese, sono stati costretti a salire a bordo del convoglio diretto nel capoluogo adriatico e pagare la tariffa maggiorata del biglietto pur di non perdere la corsa. Non sarebbe la prima volta che, specie di domenica, l’erogazione dei titoli di viaggio subisce un rallentamento. “Una delle due biglietterie richiedeva diversi minuti per completare l’operazione mentre l’altra non permetteva proprio di acquistare i titoli di viaggio”- raccontano i viaggiatori che hanno scritto a Trenitalia per rappresentare la situazione. Ad onor del vero l’attività commerciale presente in stazione permette l’acquisto dei titolo di viaggio. Si può scegliere pure la filiera on line anche se si rendono necessarie le credenziali della carta di credito. Insomma una revisione del self service sarebbe comunque gradita. D’altronde in caso di intoppi dell’ultimo minuto, il treno parte sempre in orario.

banner

Lascia un commento