banner
banner

SULMONA – Secondo contagio nella caserma dei Carabinieri di via Sallustio. Un altro militare che presta servizio in città è infatti risultato positivo al Covid-19. Si tratta di uno dei due tamponati nei giorni scorsi dalla Asl perché entrato in stretto contatto con il collega di Bugnara risultato positivo al virus. Il secondo caso apre un fronte delicato che si spera resti contenuto ai soli due contagi accertati, tenendo conto che il primo Carabiniere che ha contratto il Covid risulta formalmente in licenza da quindici giorni. La Asl in queste ore sta procedendo a ricostruire la rete dei contatti collegati con il secondo contagiato che, da quanto si apprende, risulta sostanzialmente asintomatico per cui in buone condizioni. Si attende il responso per l’altro Carabiniere che si era sottoposto al tampone nei giorni scorsi. In caso di negatività il contagio potrebbe assestarsi intorno ai due casi accertati. Nelle prossime ore il quadro sarà sicuramente più chiaro. Sono tre i nuovi casi accertati nel pomeriggio di ieri dal Dipartimento Igiene e Prevenzione Asl. Oltre al Carabiniere residente a Sulmona, si sono aggiunte all’elenco dei positivi anche due dipendenti della casa di riposo “Cercone”, entrate in contatto con la collega cuoca contagiata. Un fronte che al momento sembra relegato alla sola cucina tant’è che la buona notizia è arrivata per i degenti della struttura, tutti negativi al virus, anche se il dato definitivo arriverà solo nelle prossime ore. Ci sono quindi buone possibilità che il focolaio resti contenuto. Ai tre nuovi casi vanno aggiunti quelli ancora in corso di definizione perché nuovi referti sono arrivati nella tarda serata di ieri, ancora al vaglio della Asl, mentre una decina di tamponi positivi riguarderebbero pazienti Covid in isolamento domiciliare che allungano il percorso di negativizzazione. Sempre nella giornata di ieri si è reso necessario un altro ricovero all’ospedale San Salvatore dell’Aquila. Si tratta di una sulmonese che ha richiesto le cure mediche ma era già stata conteggiata nell’elenco dei positivi. Situazione in piena evoluzione al pronto soccorso dove è stato accertato un caso di positività tra gli operatori sanitari. I tamponi saranno svolti non prima delle prossime 48 ore e c’è da sperare che la bassa carica virale del virus serva a contenere il contagio. Si apre la settimana decisiva per chiudere o assestare i troppi fronti aperti. Almeno si spera. Anche perchè settembre è il mese della riapertura delle scuole e tra i diedi docenti che sono risultati positivi al test seriologico in provincia dell’Aquila, otto fanno riferimento all’area peligno-sangrina. Posti in sorveglianza attiva sarebbero già stati sottoposti al tampone.

MAPPA DEL CONTAGIO
Sulmona 69, Bugnara 25, Pettorano sul Gizio 24, Pratola Peligna 9, Introdacqua 5, Pacentro 1, Scanno 1, Corfinio 1
Totale 135 casi area peligna

Pescasseroli 3, Scontrone 1
Totale 4 casi area sangrina

+1 Castel Di Sangro in carico ad altra regione

12 pazienti Covid ricoverati in ospedale non in terapia intensiva, 3 guariti, 124 in isolamento domiciliare, 450 in sorveglianza attiva

Lascia un commento